2021

Sapersi reinventare

Komorebi 2021 si svolge in due modalità, una residenza artistica nell’uliveto e un archivio artistico online

Il Komorebi 2021 è la quinta edizione dell’evento: a causa delle norme anti-Covid, è stato ripensato in modo da garantire la sicurezza degli artisti e del pubblico. A questo proposito, la location risulta perfetta: l’uliveto Novemilachilometri non è solo un luogo suggestivo e ricco di significati e ricordi del Komorebi 2019, ma anche un bellissimo spazio aperto, utile a garantire la distanza di sicurezza. Quello che può sembrare un “limite” causato dai tempi difficili si trasforma in uno spunto per re-inventarsi: Komorebi 2021 si svolge in due modalità, una residenza artistica nell’uliveto e un archivio artistico online che raccoglie tutte le opere e performance, basate sulla tanto dolorosa quanto coinvolgente tematica “Percorsi speculari”. Alle discipline che da sempre caratterizzano il Komorebi, la quinta edizione aggiunge alcune novità, come l’arte culinaria.

Percorsi speculari

Riconoscere sé stessi e riconoscersi attraverso l'altro

La tematica “Percorsi speculari” nasce dalla consapevolezza che ci sono cose che da soli non si possono portare a termine: il riconoscimento di sé stessi dopo un momento di grande dolore o confusione, è una di queste cose. Il “percorso” è quello che ognuno di noi compie per ritrovare sé stesso; lo “specchio” è quello in cui ci guardiamo per trovare le risposte che cerchiamo. Eppure, da soli a volte non bastiamo: come ricorda il filosofo Paul Ricoeur, dopo l’identificazione e il riconoscimento di sé stessi, la tappa conclusiva e fondamentale è il mutuo riconoscimento. Serve quindi un altro percorso speculare al nostro per uscire dalla spirale di dolore: serve una persona che entri in empatia con noi e ci faccia dono del suo riconoscimento, permettendoci di esserle riconoscente per averci regalato la pace interiore. Il percorso non è uno solo, dunque. I percorsi sono almeno due, e sono speculari, perché la persona che ci aiuterà ad uscire dall’oscurità ci starà di fronte, ci farà da specchio, in modo complementare o opposto, ma pur sempre in grado di aiutarci a riconoscerci, a riflettere e rifletterci nello specchio. Con Ricoeur, Komorebi diventa un inno alla vita che non si può cantare da soli: la morte e il dolore si sconfiggono almeno in due.

Image

L’archivio artistico online accoglie le biografie e le opere e performance degli artisti, sia quelle messe in scena durante la residenza artistica, sia quelle pensate appositamente per l’archivio online. Tutte le opere sono ispirate alla tematica “Percorsi speculari”.

Ass. Francesco Ludovico Tedone
Via Vannucci Piero, 67
70033 - Corato (Bari)
Puglia - Italia
Tiziana +39 345 58 53 136
Natale +39 340 69 36 276
info@associazionefrancescoludovicotedone.it
Iscriviti alla newsletter
Email
Nome: Cognome:
Ass. Francesco Ludovico Tedone
Via Vannucci Piero, 67
70033 - Corato (Bari)
Puglia - Italia
Tiziana +39 345 58 53 136
Natale +39 340 69 36 276
info@associazionefrancescoludovicotedone.it